Sono contraria ai concorsi di bellezza e allora fui eletta a mia insaputa”.

La terza Miss Italia della storia, Adriana Serra, si ritrovò così, per caso, con una corona in testa, vincendo un concorso che allora si basava solo sulle foto. Per lo stesso funambolico gioco del destino, martedì sarò nella giuria di Miss Italia, in diretta su Sardegna Uno. Credo che mi divertirò moltissimo perché, nel magnifico giardino di Villa Fanny, ci sono molte cose che sono curiosa di scoprire: quali sono i loro valori? È veramente reale l’idea diffusa che oggi vogliano solo apparire e non essere? Che partecipare a Uomini e Donne o sposare un calciatore sia davvero la loro massima aspirazione? Miss Italia è al passo con l’emancipazione femminile o ancora fermo agli anni Trenta, visto che nel sito, di molte Miss è specificato con chi si sia sposata e che lavoro svolge il marito? Nel 2013, la presidente della Camera Laura Boldrini auspicò che la Rai non trasmettesse il concorso. Per conquistare dignità, alle donne serve davvero cancellare le gare di bellezza? O forse oggi, mentre qualcuno vorrebbe far passare il burkini come emblema di libertà di pensiero e rispetto della diversità, un concorso di bellezza in costume da bagno diventa segno di disobbedienza ad una sudditanza che comincia strisciante ad imporsi?

Clicca qui per leggere la mia cronaca del concorso su La Donna Sarda

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...